Fitness, Sport… Tecnica e Allenamento!

Fitness e sport, due mondi diversi con alcuni punti di contatto…

Due mondi diversi, semplificando, per un motivo: lo sport pone al centro la prestazione, il fitness ha come obiettivo principale lo “star bene”, il miglioramento della “condizione”. Certamente si può utilizzare uno sport come attività “fitness” (sci, nuoto, corsa, tennis, calcio, pallavolo, pallacanestro…) anche se il principale scopo dello sport a livello amatoriale è quello ludico,  ma per quanto uno sport possa essere considerato “completo”, in realtà non lo è. Se questo non fosse vero gli sportivi agonisti non ricorrerebbero alla preparazione atletica.

Purtroppo il fitness che si è visto e si vede “in giro”, nella maggior parte delle palestre e centri sportivi, è molto lontano dall’ideale…

Il principale punto di contatto tra sport e fitness può essere sintetizzato in due parole: Tecnica e Allenamento!

Che l’obiettivo ultimo sia la performance o il miglioramento della condizione e lo “star bene”, tecnica e allenamento sono fondamentali e perché siano efficaci l’approccio deve essere “scientifico”. Questo nello sport accade quasi sempre almeno nelle intenzioni, nel mondo del fitness purtroppo no. A questo punto si aprirebbe “un mondo” e il discorso si farebbe lungo e complesso.

Per semplificare, possono essere utili due esempi.

Uno: il tennis (ma vale per molti altri sport) è un’attività sportiva che spesso viene scelta con finalità ludica. Ma se non raggiungo un livello di tecnica minima, attraverso la pratica con un maestro, difficilmente riuscirò anche solo a divertirmi.

Due: è intuitivo che se riesco a svolgere un esercizio con un carico progressivamente maggiore il mio allenamento risulterà più efficace. Senza una corretta tecnica di esecuzione (oltre ad aumentare il rischio di infortunio), non raggiungerò mai il mio potenziale e dopo poco tempo mi troverò a “de-allenarmi”.

Il mondo del fitness sta cambiando… ma è un cambiamento in meglio? Attività come il kettlebell training,  l’allenamento funzionale,  il Crossfit e simili, sono veramente adatte a tutti? Sì, ma solo a determinate condizioni! Se quando iniziate attività di questo tipo vi trovate catapultati in classi più o meno numerose, dove magari inizialmente viene spiegata la corretta esecuzione degli esercizi, ma prima non c’è stato un approccio individuale, con valutazione delle esigenze e degli obiettivi, anamnesi, valutazione posturale/funzionale almeno relativa agli schemi motori base utilizzati nell’allenamento, ponetevi delle domande… Questo tipo di attività impostate in questo modo non sono adatte a tutti e possono essere pericolose oltre che poco efficaci!

Questi sono i motivi per cui a Padova Kettlebell, non è possibile accedere ad una Miniclass già avviata o a “Train Smart” senza prima aver raggiunto un livello di tecnica sufficiente, attraverso un percorso guidato e personalizzato di apprendimento e pratica. Questa metodologia è l’unica che permette di ottenere risultati concreti, in sicurezza, divertendosi contemporaneamente, nelle attività motorie. Senza questo tipo di approccio le alternative sono solo due: divertimento senza risultati, risultati (parziali) senza sicurezza.

photo credit dlabphotography.com.facebook_1087432236

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.